Informazioni su catreporter79

Storiografo, giornalista, spin doctor. Come i gatti ho più vite. Ma in tutte la passione di raccontare l'attualità, la storia e la comunicazione.

Perché il mo striscione non è più lungo del tuo

striscioni

Nata da un episodio avvenuto nel bergamasco, a Brembate, l’iniziativa degli striscioni si è poi diffusa in tutta Italia a macchia d’olio, con scritte indubbiamente spiritose al di là di ogni altra valutazione di tipo politico. Tuttavia, una parte della comunità del web sta concentrando la propria attenzione solo sugli striscioni napoletani, esaltandoli come esempi di una creatività, appunto quella partenopea, che si vorrebbe superiore

Luoghi comuni come questo, forse anche il risultato di una logica compensatoria e risarcitoria per un certo razzismo anti-napoletano e anti-meridionale, possono ad ogni modo risultare pericolosi e dannosi come il pregiudizio stesso, fornendo benzina a quella revanché e quell’identitarismo vicini al borbonismo più aggressivo e alimentando lo stereotipo che vuole i napoletani eccessivamente orgogliosi e campanilisti.

Godiamoci gli striscioni o contestiamoli, ma senza fare gerarchie tra italiani.

 

Nota: Qualcuno ha addirittura scomodato le Quattro giornate di Napoli, paragonandole all’iniziativa di questi giorni e affermato che la città si sarebbe liberata da sola durante la Seconda Guerra Mondiale. Un approccio del tutto a-storico, che non tiene conto del ruolo degli Alleati nelle dinamiche del conflitto e il contributo dei militari del Regno del Sud. Forse perché liberato prima dagli Alleati, il Sud conobbe uno scarso movimento resistenziale, diffusissimo e con ben altra importanza invece al centro-nord (da qui la definizione “vento del nord”, a indicare appunto la lotta partigiana).

Annunci

Il 25 Aprile e quell’assist involontario da Giorgia Meloni

liberazione3

Ha ragione da vendere Giorgia Meloni quando dice che il 25 Aprile è divisivo, ed è proprio questa la sua utilità, è proprio questa la sua importanza. Purtroppo, un segmento non trascurabile dell’opine pubblica italiana e (cosa ancor più disdicevole) delle istituzioni continua infatti a non riconoscersi nei valori dell’antifascismo, che sono valori di libertà, di democrazia e di civile convivenza, preferendo un’ irrazionale nostalgia per qualcosa che non ha vissuto e sperimentato, per fortuna e grazie a quanti lottarono contro il nazi-fascismo. La memoria diventa quindi uno strumento pedagogico, di crescita umana, sociale e politica, per tutti e anche per costoro, per far sì che certi drammi restino confinati e imprigionati nel passato.

« Abbiamo vinto noi e sei diventato senatore; se aveste vinto voi io sarei morto o in galera » (Vittorio Foa, senatore socialista, partigiano e rappresentante del CLN, a Giorgio Pisanò, ex repubblichino poi eletto al Senato della Repubblica dopo la Liberazione tra le fila del MSI)

 

Nota:anche il IV Novembre è divisivo, contestato dal movimento d’opinione pacifista e da quanti videro in quella guerra un’ “inutile strage”. Anche feste religiose come il Natale sono o stanno diventando divisive. Il 10 Febbraio è divisivo. Meloni, come altri nostalgici, cerca un escamotage per rendere più accettabile quella che, di fatto, è un’operazione smaccatamente revisionistica.

Bush senior, il complottismo e quella frase non capita

hqdefault (11)

Nata alla fine del XIX secolo, la Teoria del complotto del Nuovo ordine mondiale (NWO) rimase per lungo tempo sostanzialmente priva di seguito, fino a quando fu “resuscitata” grazie a un discorso tenuto da George H.W. Bush al Congresso degli Stati Uniti l’11 settembre 1990.

In quella circostanza, l’allora presidente americano parlò infatti della necessità di costruire un “nuovo ordine mondiale”, riferendosi tuttavia ad una collaborazione proficua e costruttiva tra le nazioni e con la nuova URSS-Russia, dopo la fine delle grandi tensioni bipolari (“Out of these troubled times, our fifth objective—a new world order—can emerge: A new era—freer from the threat of terror, stronger in the pursuit of justice and more secure in the quest for peace. An era in which the nations of the world, east and west, north and south, can prosper and live in harmony”*).

Un concetto espresso in precedenza anche da personaggi come il primo ministro indiano Rajiv Gandhi (21 novembre 1988) e da Michail Gorbačëv (7 dicembre 1988), con la medesima formula e sempre a voler indicare le prospettive scaturite dal nuovo clima di distensione e collaborazione tra le grandi potenze.

Come abbiamo detto, il discorso di George H. W Bush venne tuttavia stravolto e strumentalizzato dai teorici del complotto per rilanciare la bugia dell’NWO, una delle più grottesche e nefaste elaborazioni del complottismo internazionale.

*”Da questi tempi difficili, il nostro quinto obiettivo – un nuovo ordine mondiale – può emergere: una nuova era libera dalla minaccia del terrore, più forte nella ricerca della giustizia e più sicura nella ricerca della pace. Un’era in cui le nazioni del mondo, est e ovest, nord e sud, possono prosperare e vivere in armonia”

Il populismo e le troppe strade dell’uomo della strada

uomo strada

“Tecnocrati come Bill Clinton e Tony Blair […] hanno abbracciato un falso progressismo che era predicato sul profitto e hanno rinunciato a qualsiasi proposta che potesse risultare invisa a politici e elettori centristi, indipendentemente da quanto fosse giusta […]. E mentre questi cosiddetti liberal si impossessavano dei fatti, al tempo stesso spostavano i conflitti sociali in uno spazio non-fattuale, ossia in quello dei non-valori […]. In quest’area, i valori progressisti sono stati venduti con un senso di superiorità morale che occultava […] la codardia di politiche che demolivano lo Stato sociale e il lavoro sindacalizzato”

 

Così i politologi danesi Rune Møller Stahl e Bue Rübner Hansen nel loro saggio “La fallacia delle fake news”.

 

Il declino e poi il crollo del blocco socialista (1980-1992) e la crescita economica degli anni ’80-’90 del secolo scorso avevano indotto le classi dirigenti, così come l’opinione pubblica comune, a ritenere vincente, definitivo e irreversibile il modello neo-liberista e globalista. Le tradizionali istanze sociali e sindacali novecentesche erano così state marginalizzate, diventando per le sinistre socialdemocratiche occidentali (e non solo) delle zavorre di cui disfarsi per tornare competitive.

 

La crisi economico-finanziaria del 2008 e i conflitti con Strasburgo e Francoforte hanno messo in crisi questa acquisizione ed oggi le sinistre moderate si vedono messe sul banco degli imputati dalla gente comune per aver impresso quella svolta centrista che invece pochi anni or sono il cittadino-elettore stesso esigeva quale “condicio sine qua non” per garantire il suo voto. Anche le destre borghesi sembrano adesso evidenziare una maggiore apertura verso soluzioni un tempo rigettate come dannose, anti-storiche e ideologiche; sostando sul caso italiano, la tutela dell’articolo 18 e le nazionalizzazioni, prima tematiche care solo ad una parte della sinistra e del sindacalismo, sono oggi patrimonio irrinunciabile di alcuni settori della destra.

 

L'”everyman”, l’ uomo “della strada” che guarda alla soluzione populista animato da un dirompente rancore anti-establishment e da una torsione passatista e statalista, sembra così dimenticare come fino a poco meno di un decennio fa sia stato proprio il suo entusiasmo verso l’impianto neo-liberista a fare la fortuna di quel sistema che oggi indica come nemico ed ostile.

Perché non li ospiti a casa tua? E già che ci sei, sistema pure quella buca sull’Aurelia… La semplificazione come strategia

migranti

(Di CatReporter79)

Al pari della scuola, della sanità, della sicurezza, dei trasporti e di altri ambiti e contesti, anche il problema immigrazione è competenza delle istituzioni, statali e pubbliche. Invitare provocatoriamente chi solidarizza con i migranti ad ospitarne a casa sua (sapendo che non potrà farlo e che la risposta sarà di conseguenza negativa) è quindi puerile e irrazionale, come puerile e irrazionale sarebbe pretendere che la vittima di un episodio di malasanità si curi da sola o che il viaggiatore che perde il treno salga sulla locomotiva per farlo arrivare lui, se proprio ne è capace, in orario.

Puerile e irrazionale, dicevamo, se e quando proveniente dal singolo, mentre si tratta di una tecnica comunicativa efficace e studiata (la questione viene semplificata e l’avversario- interlocutore presentato come ipocrita e/o costretto alla difensiva con le tattiche della”proiezione-analogia” e dell’ “attacca il messaggero”) se e quando proveniente dal politico o dall’influencer.

Buon Natale…senza sensi di colpa

gesù natale

L’idea, avuta da un istituto scolastico milanese, di sostituire i consueti auguri di buon Natale con un asettico “Buone Feste”, sarà da considerarsi tanto ipocrita quanto illogica.

Ipocrita perché in Italia le festività dicembrine sono soltanto quelle natalizie e cristiane, illogica perché non si comprende per qualche motivo la tradizione natalizia dovrebbe offendere la sensibilità degli appartenenti ad altri credi e confessioni, italiani o stranieri che siano.

E’ indubbio e innegabile che certe scelte giungano quasi sempre da sinistra, dove il laicismo (di matrice esclusivamente anti-vaticana ed anti-cattolica) si va a saldare con un un’interpretazione arbitraria dell’internazionalismo marxiano e con il senso di colpa per il passato coloniale e per il presente neo-coloniale dell’Occidente.

La Nazionale, il Paese, la crisi e quei paragoni forzati…

coppyDopo ogni delusione legata alla Nazionale di calcio, sono puntuali gli accostamenti, di segno catastrofistico, ad una situazione d’insieme del Paese, che si vorrebbe in pieno declino.

“La Nazionale specchio di un Paese in rovina”, “La Nazionale nel baratro come l’Italia”, “La Nazionale da rifondare come tutto il resto” ecc, i refrain concettualmente più comuni.

Si tratta, ad ogni modo, di semplificazioni elementari e grossolane, suggestioni scollegate da ogni evidenza razionale. Non solo, infatti, l’Italia non è al tramonto (i paesi in grave difficoltà sono altri) ma i nostri colori primeggiano in tanti altri ambiti e contesti sportivi, dalle discipline individuali a quelle di squadra, oggi come ieri.

 

Nota storica: il Brasile e l’Argentina vinsero alcuni dei loro mondiali in momenti drammatici e difficilissimi nella storia dei due paesi.