Chi di volgarità ferisce..

Alessandra Mussolini ha contribuito, in modo attivo e consapevole, all’affermazione ed all’ossidazione di quella cultura e di quel clima di sciatteria comportamentale dei quali adesso sta pagando le conseguenze. Volgarità verbale e concettuale, disprezzo per l’avversario finanche nel suo intimo più recondito (“meglio fascista che frocio”), il tutto nella più rutilante e fragorosa cocciutaggine, senza mai un’esitazione, senza mai un ripensamento od un passo indietro.

Ridicolo ed improbabile chiedere che, adesso, si applichi nei suoi confronti un trattamento differente e le regole del buongusto (che, pure, non dovrebbero mai venire disattese). Ridicolo ed improbabile chiedere per lei la protezione dell’ombrello del “politcally correct”, soltanto in ragione della sua collocazione biologica, del suo genere di appartenenza. Chi tutelò, da lei e dagli altri megafoni del giustizialismo spicciolo e villano, la famiglia Marrazzo?

Annunci

Ecco perché Beppe Grillo “odia” Laura Boldrini

Da Spengler ad Evola, oltre la misoginia, oltre la tattica

Corrente politica interconfessionale sviluppatasi dal Fascismo e in via minoritaria dal Socialismo e dall’anarchismo classico, il Nazional-Anarchismo (o Anarco-Nazionalismo o Anarco-Fascismo), ha nella sua istologia dottrinale e nel suo indirizzo programmatico la lotta al mondialismo, al liberalcapitalismo, all’ inclusivismo-fusionismo etnico e culturale, alle organizzazioni internazionali (quali ONU o UE) per sostenere il mutualismo, il distributismo, il mutualismo , l’ etnonazionalismo il ruralismo, il luddismo e la permacultura. Precursori del Nazional-Anarchismo sono e possono essere individuati in Celine, Evola, Mishima, D’Annunzio, Topfer, Jünger, Spengler, Yockey, ecc. E’ attraverso una ricognizione sull’ideologia nazional-anarchista che si potrà trovare la chiave di lettura del pensiero politico grilliano, della sua grande capacità di attrazione presso segmenti del tutto diversi ed antitetici tra di loro e delle sue direttrici comunicative, come, ad esempio, il martellamento nei confronti della Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. Se la componente misogina o strategica (la ricerca dell’attenzione mediatica in vista delle consultazioni europee) possono essere alcune delle cause di questo indirizzo politico, proporle come uniche e sole spiegazioni non è infatti che un atteggiamento limitato e limitante. L’aver fatto parte di un organismo internazionale, nato come espressione degli assetti sviluppatisi dopo la II Guerra Mondiale come l’ONU, per di più in veste di “missionaria” in aiuto alle popolazioni africane e, ancora, il suo “politically correct” ecumenizzante, liquido e trasversale, fanno di Laura Boldrini l’esemplificazione di quello che, per un anarco-nazionalista (o anarco-fascista) qual è il leader pentastellato, è l’ atomo primo di ogni deriva etica e di ogni pericolo sociale. Beppe Grillo non odia Laura Boldrini perché donna, ma perché donna in carriera, di sinistra, ed espressione di quel sistema liberal-democratico sorto dopo il 1945 che forza e valica i confini della sua etica politica e della sua formazione culturale ed antropologica improntata al tradizionalismo rivoluzionario.

“I figli sono delle madri” (anche quando li lasciano uccidere?)

Baby P’s mother Tracey Connelly released

La donna in questione consentì all’amante di torturare a morte suo figlio. Non solo è stata rilasciata “sulla parola” dopo 4 anni di carcere ma le sarà permesso il cambio di identità che le consentirà di “rifarsi una vita”.

Notizia che, anche in questo caso, irrita ma non stupisce. Tra i nefasti protagonisti della triste vicenda figura infatti anche un uomo, ovvero il “transfert” ideale offerto al “poltically correct (in questo caso nella sua declinazione femminista-misandrica) per alleggerire la posizione della donna-madre, dislocando ogni colpa e responsabilità, di nuovo, sull’uomo-maschio. Di più e non solo: la nostra società non è ancora pronta all’acquisizione dell’idea della madre-matrigna; la cultura mariano-mammista di cui i nostri tessuti cognitivi sono intrisi non lo consente, almeno per adesso, cristallizzandoci su un’immagine ideale ma irreale in cui la madre è forziere di ogni dote e virtù, nonché “padrona” e “responsabile” prima ed assoluta della vita della prole (“i figli sono delle madri”, recita un pessimo detto). L’auspicio è quello di arrivare, un giorno, ad una catarsi edipica di massa che consenta una maggiore serenità per l’interazione di genere.

Capire la propaganda

Cuperlo

 

Questo manifesto costituisce un piccolo saggio di genialità propagandistica da parte dei creativi al servizio di Gianni Cuperlo.

Abbiamo un messaggio forte, conciso e convincente, a favore delle donne, collocato sopra l’immagine dell’Italia. Ma, a ben vedere, non si tratta di un’immagine qualsiasi; nel tipo di prospettiva opzionata, infatti, la figura del nostro Paese si va restringendo, mano a mano che si sale, da Sud a Nord, fino a far quasi scomparire il Settentrione. A dominare la scena, il Sud e, in particolare, la Sicilia. E’ stato quindi scelto un accostamento ed un frullato concettuale tra due simbologie ad altissimo impatto emotivo e sociale perché caratterizzate (ed offese) dal pregiudizio e da una cultura di tipo discriminatorio: le donne e, appunto, il Meridione italiano. Sarà quindi lecito parlare di propaganda di tipo “sociologico”, dove il messaggio, incapsulato nell’emotività e nel “politically correct”, viene, in parte, sottaciuto.

Il mio vuol essere un contributo (personalissimo) sul metodo e non sul merito.

 

Il politically correct a targhe alterne

Parte (consistente) della sinistra nazionale è solita redarguire con didascalica pedanteria chiunque osi valicare il confine di un certo “politically correct” semantico e simbolico, salvo poi cercare di colpire l’avversario canzonandolo per i suoi difetti fisici o supposti tali.

Allora si fa e si farà puerile ironia sulla statura di un Berlusconi, su quella di un Brunetta o, ancora, sull’obesità di un Giuliano Ferrara.

Bellimbusti pronti a spiegarti quanto certe leve possano essere pericolose, se mosse, in quanto collegate alle debolezze più recondite della psiche umana, non si fanno scrupolo di gozzovigliare con epiteti grevi e triviali, sminuendo, in ultima analisi, anche il loro impianto retorico e politico con il ricorso a scorciatoie tanto rozze e volgari quanto inutili e scontate.

Maturate.

Il politically correct delle tragedie

“Se sapessi con sicurezza che c’è un uomo che sta venendo a casa mia con il piano consapevole di farmi del bene, scapperei a rotta di collo” – Henry David Thoreau

Alcune testate nazionali stanno evidenziando il fatto che più della metà dei morti nel naufragio lampedusano appartengano al genere femminile. Sono donne. La restante porzione non è che un numero, una statistica, un’ombra non degna di nota. Vite, sofferenze, congiunture di emozioni che valgono, si, ma che valgono meno. O così sembra. Il politically correct si esprime, in questa come in altre occasioni, nella sua declinazione meno nobile e più ottusa; attraverso una politica falsamente compensatoria e risarcitoria, infatti, non soltanto viene fatto torto al genere umano, incapsulandolo in gerarchie qualitative criterizzate sull’identità biologico-genetica (secondo la traiettoria del Nazismo e del razzismo classico) ma viene fatto torto anche allo stesso genere femminile, implicitamente dipinto come più debole, più pavido, meno adatto ad affrontare il pericolo, in questo caso proveniente dal mare. Il nuovo si dimostra quindi permeato di antico, anzi, di primitivo. Due volte.

Rivoluzionari da salotto: la malinconia della prevedibilità.

Pur essendo un irriducibile nemico del “politically correct”, che ritengo scudo e spada del neofascismo politico-mediatico più infido e devastante (dato il suo nascondersi dietro la veste, positiva, dell’ecumenismo), non posso che (sor)ridere degli affannosi ed ingenui tentativi posti in essere da alcuni nel momento in cui cercano di farsi passare come rivoluzionari del linguaggio e grimaldelli dello status quo sociale e culturale attraverso incursioni “razzistoidi” e “sessistoidi”. Il vertice della malinconia di tale modus operandi è senza tema di smentita la sua sconcertante prevedibilità, ancor più paradossale e stridente se si considera che l’obiettivo primigenio di questi “strali” è proprio quello di suggerire originalità ed indipendenza di ragionamento